Euphorbia pteroneura

Euphorbiaceae Euphorbia pteroneura A.Berger (1906)

SINONIMI

Euphorbia foresii Standl. (1935); Euphorbia pteroneura var. macdougalliana Croizat (1943); Euphorbia steyermarkii Standl. (1944).

 

FAMIGLIA: Euphorbiaceae

GENERE: Euphorbia

SPECIE: pteroneura

 

Il nome "pteroneura" deriva dal greco "pterón" (ala, penna, piuma) e da "neúron" (nervo, fibra): per i rami a forma di penna. 

Semi-succulenta a forma di cespugliocon gambo corto; raggiunge 50 centimetri di altezza ed altrettanti o più di diametro. Presenta fusti cilindrici, eretti, costituiti da sezioni articolate; sono di colore verde, verde rosato; raggiungono 8 millimetri di diametro.

Le foglie sono piccole, alternate, ovate o ovato-lanceolate. Sono di breve durata.

I fiori (ciazii) si sviluppano all'apice dei rami; sono ombrelliformi, di colore giallo. 

 

ORIGINE

MESSICO (Chiapas, Veracruz, Yucatan); GUATEMALA.

HABITAT

Cresce in aree rocciose, in boschi con arbusti decidui.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 8-10 giorni; in inverno ogni 30-40 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

1

2

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti