Oroya peruviana

Cactaceae Oroya peruviana (K.Schum.) Britton & Rose (1922)

SINONIMI

Oroya gibbosa F.Ritter (1981); Oroya gibbosa var. citriflora Knize (1968); Oroya laxiareolata Rauh & Backeb. (1958); Oroya laxiareolata var. pluricentralis Backeb.; Oroya neoperuviana Backeb. (1935); Oroya neoperuviana var. depressa Rauh & Backeb.; Oroya neoperuviana var. ferruginea Rauh & Backeb. (1958); Oroya neoperuviana var. tenuispina Rauh & Backeb. (1958); Oroya peruviana var. depressa Rauh & Backeb. (1956); Oroya subocculta Rauh & Backeb. (1958); Oroya subocculta var. albispina Rauh & Backeb. (1958); Oroya subocculta var. fusca Rauh & Backeb.

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Oroya

SPECIE: peruviana

 

Cactacea piccola, generalmente solitaria (può accestire con il tempo), di forma globosa poi cilindrica con l'apice leggermente appiattito; raggiunge 25 centimetri di altezza e 14 centimetri di diametro; è di colore verde, verde glauco scuro.

Ha da 12 a 35 costolature formate da tubercoli bassi. Le aureole sono allungate, ricoperte da lanuggine di colore bianco sporco.

Le spine sono di colore giallo pallido, giallo oro ramato, marrone con basi e punte più scure. Le spine centrali generalmente sono assenti, in qualche caso fino a 6; le radiali sono da 15 a 20, diverse fra loro, curvate verso la pianta.

Fiorisce dalla primavera all'estate. I fiori spuntano all'apice della pianta, sono piccoli, a forma di campana, di colore rosa con interno giallo.

I frutti sono sferici od a forma di clava, di colore giallo o bruno rossastro. 

 

ORIGINI

PERÙ (Ande centrali, da Oroya a Cuzco)

HABITAT

Si trova da 3000 a 4700 metri di altitudine. Cresce in ambienti con suoli estremamente rocciosi.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'inizio dell'autunno ogni 10-15 giorni, in ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

-8 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti