Oreocereus celsianus

Cactaceae Oreocereus celsianus (Lem. ex Salm-Dyck) Riccobono (1909)

SINONIMI

Cereus celsianus (Lem. ex Salm-Dyck) A.Berger (1905); Cleistocactus tupizensis (Vaupel) Backeb. & F.M.Knuth (1935); Oreocereus bruennowii (Haage ex Rumpler) Backeb. (1935); Oreocereus celsianus var. bruennowii (Haage ex Rumpler) Borg (1951); Oreocereus maximus Backeb. (1949); Oreocereus neocelsianus Backeb. (1949); Oreocereus neocelsianus var. ruficeps Y.Itô (1981); Pilocereuis bruennowii Haage ex Rumpler (1886); Pilocereus celsianus Lem. ex Salm-Dyck (1849).

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Oreocereus

SPECIE: celsianus

 

Cactacea a forma colonnare; ramifica dalla base; può raggiungere 3 metri di altezza.

Il fusto è cilindrico, raggiunge 12 centimetri di diametro, è ricoperto da un pelo lanugginoso di colore bianco; presenta 9-25 costole; è di colore verde glauco o verde scuro.

Le aureole sono grandi, ovali, con peli setosi bianchi.

Ha 1-4 spine centrali, robuste, di colore grigiastro/bruno. Le spine radiali sono da 7 a 9.

Fiorisce in primavera. I fiori sono di colore rosa pallido, violaceo, rosso scuro.

Il frutto è globoso, di colore giallo. 

 

ORIGINE

ARGENTINA (Jujuy); BOLIVIA (Chuquisaca, Potosi, Tarija); PERÙ.

HABITAT

Si trova da 2900 a 3600 metri di altitudine. Cresce fra alte montagne in una zona semi arida delle Ande su terreni rocciosi e ben drenati; soprattutto in pendii esposti verso est e nord.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'inizio dell'autunno ogni 15 giorni.

TEMPERATURA MINIMA

- 12 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti