Opuntia microdasys ssp. rufida

[è un taxon infraspecifico della specie Opuntia microdasys (Lehm.) Pfeiff. (1837)] 

Cactaceae Opuntia microdasys ssp. rufida (Engelm.) U.Guzmán e Mandujano (2003)

SINONIMI

Opuntia herrfeldtii Kupper (1930); Opuntia lubrica Griffiths (1910); Opuntia microdasys var. rufida (Engelm.) K.Schum. (1898); Opuntia rufida Engelm. (1856); Opuntia rufida var. tortiflora M.S.Anthony (1956).

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Opuntia

SPECIE: microdasys

SOTTOSPECIE: rufida

 

Il nome "rufida" deriva dal latino "rufus" che significa rossastro.

Cactacea a forma di arbusto; raggiunge 1,5 metri di altezza e 2,5 metri di diametro.

Le foglie (cladodi) sono obovate o ellittiche, di colore verde, piatte. Presentano numerose aureole rotonde, piene di sottili peli (glochidi) di colore marrone o rossastro per diventare grigio con il tempo.

E' senza spine.

Fiorisce alla fine della primavera-inizio estate. I fiori sono di colore giallo paglierino.

I frutti sono globosi, con un affossamento all'apice, carnosi, di colore da rosso verdastro a rosso vivo. 

 

ORIGINE

STATI UNITI (Texas); MESSICO (Chihuahua, Coahuila, Durango, Zacatecas).

HABITAT

Si trova da 600 a 1.300 metri di altitudine. Cresce su terreni sabbiosi o ghiaiosi composti sia da materiale calcareo che vulcanico. E' presente nei deserti, nella macchia xerofila, sulle scogliere rivolte a sud e sui pendii.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 10 giorni, in ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

+ 5 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti