Conophytum meyeri

Aizoaceae Conophytum meyeri N.E.Br. (1925)

SINONIMI

Conophytum candidum L.Bolus (1954); Conophytum corculum Schwantes (1929); Conophytum ecarinatum var. candidum (L.Bolus) Rawé (1982);

Conophytum extractum Tischer (1957); Conophytum globuliforme Schick & Tischer (1928); Conophytum laetum L.Bolus (1937); Conophytum laetum var. extractum (Tischer) Rawé (1973); Conophytum leopardinum L.Bolus (1962); Conophytum longobracteatum L.Bolus (1937; Conophytum meyeri var. globuliforme (Schick & Tischer) Rawé (1982); Conophytum meyeri var. meyeri; Conophytum meyeri var. ramosum (Lavis) Rawé (1982); Conophytum meyeri f. semilunulum (Tischer) Rawé (1982); Conophytum microstoma L.Bolus (1959); Conophytum nanum Tischer (1935); Conophytum niveum L.Bolus (1954); Conophytum ovigerum Schwantes (19299); Conophytum papillatum L.Bolus (1958); Conophytum puberulum Lavis (1931); Conophytum ramosum Lavis (1931); Conophytum retusum N.E.Br. (1927); Conophytum semilunulum Tischer (1959).

 

FAMIGLIA: Aizoaceae

GENERE: Conophytum

SPECIE: meyeri

 

Succulenta molto piccola, cespitosa, senza stelo o corto con il tempo, con corpi sodi, leggermente e parzialmente fusi o leggermente bilobati che raggiungono l'altezza di 13 millimetri e 15 millimetri di diametro. Forma piccoli e densi tappeti.

E' di colore grigio-verde pallido, verde glauco, verde grigiastro, l'epidermide è contrassegnata da punti più scuri.

Fiorisce in autunno. i fiori sono di colore giallo brillante, grandi, simili a margherite.

 

ORIGINE

SUD AFRICA (Capo settentrionale, Richtersveld occidentale, tra Kleinsee e Lekkersing). 

HABITAT

Cresce nel Karoo sotto arbusti, in fessure su formazioni di rocce di granito, quarzite o gneiss.

ESPOSIZIONE

Pieno sole, evitando l'esposizione ai raggi diretti del sole durante le ore più calde delle giornate estive; ombra leggera.

BAGNATURE

Dall'inizio dell'autunno alla primavera ogni 10-15 giorni, sospendendo le bagnature quando i lobi risultano particolarmente gonfi per evitare che si verifichino sgradevoli spaccature; durante il periodo estivo ogni 30 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

-2 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti