Mammillaria prolifera

Cactaceae Mammillaria prolifera (Mill.) Haw. (1812) 

SINONIMI

Cactus mammillaris var. prolifer Aiton (1789); Cactus proliferus Mill. (1768); Cactus stellatus Willd. (1814); Chilita prolifera (Mill.) Orcutt (1926); Ebnerella prolifera (Mill.) Buxb. (1951); Escobariopsis prolifera (Mill.) Doweld (2000)Mammillaria prolifera var. prolifera; Mammillaria pusilla D.C.; Neomammillaria prolifera (Mill.) Britton & Rose (1923).

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Mammillaria

SPECIE: prolifera

 

Il nome "prolifera" deriva da "próles" (prole) e da "fero" (portare): prolifica, con abbondante figliolanza, per l'abbondante fioritura. 

Cactacea piccola a crescita lenta, prolifica molto formando densi cuscini larghi fino a 60 centimetri.

I fusti sono globosi, cilindrici, raggiungono l'altezza di 9 centimetri e 7 centimetri di diametro; sono di colore verde scuro; hanno una consistenza morbida al tatto.

I tubercoli sono da cilindrici a conici.

Presenta da 25 a 40 spine radiali simili a peli, di colore bianco, giallo, marrone. Le spine centrali sono da 5 a 12, appuntite, di colore bianco, giallo, rossastro con punta bruna.

Fiorisce abbondantemente. I fiori sono piccoli di colore bianco giallastro, crema, giallo rosato. 

 

ORIGINE

MESSICO (Coahuila, Nuevo León, Quarétaro, San Luis Potosi, Tamaulipas); STATI UNITI (Texas); CUBA; REPUBBLICA DOMINICANA; HAITI.

HABITAT

Si trova da 400 a 2250 metri di altitudine. Cresce nella macchia submontana, nelle prateria a bassa quota, in boschetti bassi e asciutti.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'inizio dell'autunno ogni 7-8 giorni (senza bagnare all'interno del cuscino per evitare marciumi) lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra; tenere asciutta in inverno.

TEMPERATURA MINIMA

+ 5 gradi centigradi.

1

2

1 + 2 = Ambientazione naturale

3

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti