Ariocarpus fissuratus

Cactaceae Ariocarpus fissuratus K.Schum. Engler & Pranti (1894)

SINONIMI

Anhalonium engelmannii Lem. (1868); Anhalonium fissuratum Engelm. (1856); Ariocarpus fissuratus var. fissuratus; Ariocarpus fissuratus ssp. fissuratus (1894); Mammillaria fissurata Engelm. (1856); Roseocactus fissuratus (Engelm) A.Berger (1925); Roseocactus intermedius Backeb. & Kilian (1960).

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Ariocarpus

SPECIE: fissuratus

 

Piccola cactacea a crescita molto lenta, di solito solitaria; è senza spine e rimane adiacente al terreno; raggiunge una dimensione di circa 20 centimetri di diametro. Ha l'aspetto di una rosetta che è formata da tubercoli carnosi.

I tubercoli sono fitti, di colore verde-grigio, di forma triangolare, grossolanamente rugosi nella parte esposta.

Le aureole sono larghe fino a 3 millimetri.

Presenta una grossa radice a fittone che ha l'aspetto di una rapa che utilizza per immagazzinare acqua.

Fiorisce nei mesi di ottobre/novembre. I fiori spuntano al centro della rosetta, nella parte lanosa; sono di colore rosa cremisi.

 

ORIGINE

MESSICO (Chihuahua, Coahuila, Durango, Zacatecas; STATI UNITI (Texas, Contea di Presidio).

HABITAT

Si trova tra 500 e 1.170 metri di altitudine. Cresce nelle pianure calcaree secche, nelle aree con dolci pendii, nelle basse colline ricche di frammenti di rocce calcaree della macchia del deserto del Chihuahuan (macchia xerofilla); raramente in suoli gessosi.

ESPOSIZIONE

Pieno sole; ombra leggera.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 10-15 giorni, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra; tenere completamente asciutto in inverno.

TEMPERATURA MINIMA

- 10 gradi centigradi

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti