Faucaria felina

Aizoaceae Faucaria felina (L.) Schwantes (1926)

SINONIMI

Faucaria acutipetala L.Bolus (1934); Faucaria candida L.Bolus (1937); Faucaria cradockensis L.Bolus (1934); Faucaria crassisepala L.Bolus (1934); Faucaria duncanii L.Bolus (1933); Faucaria felina var. felina; Faucaria felina var. jamesii L.Bolus (1933); Faucaria felina f. splendens H.Jacobsen & G.D.Rowley (1955); Faucaria jamesii (L.Bolus) Tischer (1934); Faucaria kingiae L.Bolus (1937); Faucaria latipetala L.Bolus (1934); Faucaria laxipetala L.Bolus (1934); Faucaria longedens L.Bolus (1934); Faucaria longifolia L.Bolus (1934); Faucaria lupina (Haw.) Schwantes (1926); Faucaria militaris Tischer (1932); Faucaria montana L.Bolus (1934); Faucaria multidens L.Bolus (1934); Faucaria plana L.Bolus (1937); Faucaria ryneveldiae L.Bolus (1934); Faucaria uniondalensis L.Bolus (1937); Mesembryanthemum ringens var. felina (1753).

 

FAMIGLIA: Aizoaceae

GENERE: Faucaria

SPECIE: felina

 

Il nome "felina" è stato attribuito a questa specie per la somiglianza delle foglie agli artigli di un gatto.

Succulenta piccola che forma insoliti ciuffi di foglie carnose.

Presenta uno stelo corto che con il tempo sviluppa un tronco rizomatoso altrettanto corto.

Le foglie sono snelle, romboidali, allungate, carenate; raggiungono 7 centimetri di lunghezza e 2 centimetri di larghezza. Hanno margini con denti larghi, carnosi, ricurvi, di colore bianco o rosa. Sono di colore da verde glauco o verde scuro.

Fiorisce dal tardo autunno all'inverno. I fiori sono simili a margherite, di colore giallo, raggiungono 5 centimetri di diametro ed hanno fino a 135 petali.

 

ORIGINE

SUD AFRICA (Provincia del Capo orientale, distretti occidentali; Provincia del Capo occidentale, distretti orientali).

HABITAT

Cresce in aree con terreni a grana fine e coperti da vegetazione erbosa o arbustiva. In queste aree la pioggia si verifica principalmente a marzo e novembre e cade da 200 a 700 millimetri all'anno. 

ESPOSIZIONE

Pieno sole, evitando l'esposizione diretta ai raggi del sole durante le ore più calde delle giornate estive.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 8-10 giorni; in inverno ogni 30-40 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra. 

TEMPERATURA MINIMA

+5 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti