Graptopetalum paraguayense

Crassulaceae Graptopetalum paraguayense (N.E.Br.) E.Walther (1938)

SINONIMI

Byrnesia weinbergii Rose (1922); Cotyledon paraguayensis N.E.Br. (1914); Echeveria weinbergii T.S.Sheph. (1912); Graptopetalum weinbergii (T.B.Sheph.) E.Walther (1930). 

 

 

FAMIGLIA: Crassulaceae

GENERE: Graptopetalum

SPECIE: paraguayense

 

Il nome "paraguayense" significa "del Paraguay" (stato dell'America Meridionale senza sbocco al mare): in quanto si riteneva che questa pianta fosse originaria di quello stato. 

Succulenta con portamento semi arbustivo, a forma di rosetta. I gambi che portano le rosette sono eretti per poi ricadere. Raggiunge 30 centimetri di altezza.

La rosetta si sviluppa all'apice del gambo, raggiunge 15 centimetri di diametro; le foglie vecchie appassiscono e cadono lasciando il gambo completamente nudo con in cima la rosetta.

Le foglie sono carnose, triangolari, piatte o concave, di colore variabile: verde-grigio, grigio-bleu, giallo rosato; hanno un aspetto opalescente; raggiungono 8 centimetri di lunghezza e 2,5 centimetri di larghezza.

Fiorisce alla fine dell'inverno-inizio primavera. I fiori si sviluppano su steli ramificati che raggiungono l'altezza di 15 centimetri; sono a forma di stella, di colore bianco con minuscole macchie rosse. 

 

ORIGINE

MESSICO (Tamaulipas).

È naturalizzata in Australia.

HABITAT

 

ESPOSIZIONE

Ombra molto luminosa; mezza ombra; pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 7-8 giorni; in inverno ogni 30-40 giorni. In ogni caso, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

- 7 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti