Graptopetalum filiferum

Crassulaceae Graptopetalum filiferum (S.Watson) J.Whitehead (1943)

SINONIMI

Sedum filiferum S.Watson (1886)

 

FAMIGLIA: Crassulaceae

GENERE: Graptopetalum

SPECIE: filiferum

 

Il nome "filiferum" deriva da "filum" (filo) e da "fero" (porto) (che porta dei fili): per la punta delle foglie che termina con un filamento.

Succulenta piccola a forma di rosetta, senza gambo; forma piccoli cuscini che raggiungono l'altezza di 15 centimetri.

Le rosette raggiungono 10 centimetri di diametro, sono piatte e rimangono aderenti al suolo.

Le foglie sono carnose, lisce, da spatolate a triangolari, di colore verde chiaro con la punta che finisce con una setola rossastra.

L'infiorescenza è ramificata. I fiori sono a forma di stella, di colore bianco panna con macchie rosso scuro.

 

ORIGINE

MESSICO (Chihuahua).

HABITAT

 

ESPOSIZIONE

Ombra luminosa; pieno sole, ma evitando l'esposizione ai raggi diretti del sole durante le ore più calde delle giornate estive.

BAGNATURE

Da metà primavera all'autunno ogni 7-8 giorni, in inverno ogni 30 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

+ 3 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti