Euphorbia tirucalli

Euphorbiaceae Euphorbia tirucalli L. (1753)

SINONIMI

Arthrothamnus bergii Klotzsch & Garcke (1860); Arthrothamnus ecklonii Klotzsch & Garcke (1859); Arthrothamnus tirucalli (L.) Klotzsch & Garcke (1859); Euphorbia geayi Costantin & Gallaud (1905); Euphorbia laro Drake (1899); Euphorbia media N.E.Br. (1911); Euphorbia media var. bagshawei N.E.Br. (1911); Euphorbia rhipsaloides Lem. (1857); Euphorbia rhipsaloides Willd. (1856); Euphorbia scoparia N.E.Br. (1911); Euphorbia suareziana Croizat (1934); Euphorbia tirucalli var. rhipsaloides (Willd.) A.Chev. (1933); Euphorbia viminalis Mill. (1768) (illegittimo); Tirucalia indica Raf. (1838); Tirucalia tirucalli (L.) P.V.Hrath (1996).

 

FAMIGLIA: Euphorbiaceae

GENERE: Euphorbia

SPECIE: tirucalli

 

Il nome "tirucalli" è un epiteto coniato da Linneo riprendendo il nome vernavolare di queste piante utilizzato dai nativi della regione indiana del Malabar.

Succulenta grande a forma di arbusto o piccolo albero che può raggiungere l'altezza di 12 metri.

Il tronco ed i rami principali sono legnosi, di colore marrone, mentre i rami più giovani sono succulenti, lisci, cilindrici, di colore verde glabro; questi raggiungono il diametro di 8 millimetri e presentano sottili striature bianche che le fanno assomigliare a matite.

Presenta poche foglie, minuscole, lanceolate, che cadono precocemente. La funzione delle foglie è assicurata dai rami verdi.

Fiorisce da settembre a dicembre (nell'emisfero australe). I fiori sono poco appariscenti, di colore giallo; spuntano a grappoli all'apice dei rami.

I frutti sono costituiti da capsule subsferiche divise in tre parti. 

 

ORIGINE

ANGOLA, CONGO, MOZAMBICO, RUANDA, SUDAFRICA, SWAZILAND, TANZANIA, ZAMBIA.

È presente con origine incerta in: ERITREA, GHANA, ETIPIA, SAO TOMÉ E PRINCIPE, SOMALIA, SUD SUDAN, SUDAN.

E' ora naturalizzata nelle aree tropicali e nelle foreste pluviali dell'Amazzonia, del Madagascar, dell'Asia (India, Filippine, Vietnam), dell'Australia, del Sud Africa.

HABITAT

Si trova da 0 a 2000 metri di altitudine. Cresce nei climi tropicali semi-aridi in vari abitat: le coste marine, le montagne, la savana aperta, le colline erbose, lungo i corsi dei fiumi, su affioramenti rocciosi e creste.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'inizio dell'autunno ogni 8-10 giorni, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra. Terere asciutto in inverno.

TEMPERATURA MINIMA

+6 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti