Euphorbia susannae

Euphorbiaceae Euphorbia susannae Marloth (1929)

 

FAMIGLIA: Euphorbiaceae

GENERE: Euphorbia

SPECIE: susannae

 

Il nome "susannae" è stato attribuito a questa specie in onore di Suzanna Jarmer Muir, moglie di John Muir (1874-1947). medico e naturalista scozzese emigrato in Sudafrica che raccolse l'olotipo nel 1925. 

Succulenta piccola con andamento cespuglioso; emette numerosi rami dallo stelo centrale (caudex) fino a formare densi cuscini alti fino a 10 centimetri, che raggiungono 30 centimetri di diametro.

In natura la maggior parte delle piante crescono completamente sottoterra con solo le punte degli steli al di sopra del livello del suolo.

Gli steli presentano da 12 a 16 costolature fortemente tubercolate; sono di colore verde che vira verso il marrone con una maggiore esposizione alla luce.

Le foglie sono presenti sui gambi giovani e consistono in piccole setole.

Fiorisce in primavera od autunno. I fiori (ciazii) sono di colore giallo con bordo marrone. 

 

ORIGINE

SUD AFRICA (Provincia del Capo, Distretto di Landsmith, in alcune limitate aree del piccolo Karoo).

HABITAT

Cresce in ambienti aperti o all'ombra parziale di piccoli cespugli su un terreno molto sabbioso e pietroso, spesso con quarzo bianco sulla superficie.

ESPOSIZIONE

Pieno sole evitando l'esposizione diretta ai raggi del sole durante le ore più calde delle giornate estive; mezza ombra.

BAGNATURE

Dall'inizio della primavera alla metà dell'autunno ogni 10 giorni, in ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra. Tenere asciutta in inverno.

TEMPERATURA MINIMA

+6 gradi centigradi.

AMBIENTAZIONE NATURALE

AMBIENTAZIONE NATURALE

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti