Euphorbia horrida

Euphorbiaceae Euphorbia horrida Boiss. (1860)

SINONIMI

Euphorbia horrida var. horrida; Euphorbia horrida var. major A.C.White, R.A.Dyer & B.Sloane (1941); Euphorbia horrida var. noorsveldensis A.C.White, R.A.Dyer & B.Sloane; Euphorbia horrida var. striata A.C.White, R.A.Dyer & B.Sloane (1941).

 

FAMIGLIA: Euphorbiaceae

GENERE: Euphorbia

SPECIE: horrida

 

Il nome "horrida" significa ispido, irto, irsuto: per la presenza di molte spine.

Succulenta dal portamento eretto; è formata da steli irregolari che producono molti nuovi getti che, con il tempo, possono formare gruppi fino ad 1 metro di diametro; raggiunge l'altezza di 75 centimetri.

Il fusto è a forma cilindrica, presenta da 10 a 20 costolature molto pronunciate, è di colore verde, verde glauco, verde grigiastro. Gli steli raggiungono 15 centimetri di diametro.

Le spine sono i gambi dei fiori essiccati, sono rigide, di colore marrone rossastro.

Fiorisce in estate. I fiori sono piccoli ciazi di colore verde e giallo. 

 

ORIGINE

SUD AFRICA (Steyterville, Jansenville, Willowmore)

HABITAT

Cresce in zone dove riceve piogge sia in inverno che in estate.

ESPOSIZIONE

Pieno sole; mezza ombra.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 8-10 giorni; in inverno ogni 30-40 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

- 4 gradi centigradi

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti