Aloe gariepensis
Xanthorrhoeaceae Aloe gariepensis Pillans (1933)
SINONIMI
Aloe gariusana Dinter (1928) (non valido).
 
FAMIGLIA: Xanthorrhoeaceae
GENERE: Aloe
SPECIE: gariepensis
 
Il nome "gariepensis" si riferisce alla zona di origine di questa specie di Aloe, cioè la valle del fiume Gariep.
Succulenta a forma di rosetta. Ha dimensioni diverse: può essere alta fino ad un metro con un corto fusto; oppure piccola senza stelo. Spesso è solitaria ma non è raro troverla anche in gruppi.
Le foglie sono lanceolate, triangolari, di colore verde chiaro opaco o bruno-rossastro, presentano sui due lati piccole macchie bianche disposte longitudinalmente. Lungo i margini sono presenti piccoli denti di colore bruno-rossastro.
Fiorisce da metà inverno all'inizio della primavera. L'infiorescenza è costituita da un lungo gambo con i fiori al suo apice; può raggiungere i 120 centimetri di altezza. I fiori sono a pannocchia, di colore giallo o più raramente rosso mattone.
I frutti sono costituiti da capsule di colore giallo-marrone. 
 
ORIGINE
NAMIBIA, SUD AFRICA (Provincia del Capo Settentrionale); è limitata alla valle del fiume Gariep.
HABITAT
Si trova da 150 a 800 metri di altitudine. Cresce in ambienti aridi su ripidi pendii rocciosi e nelle fenditure.
ESPOSIZIONE
Ombra luminosa; pieno sole, evitando l'esposizione ai raggi diretti del sole durante le giornate estive più calde.
BAGNATURE
Dalla primavera all'autunno ogni 8-10 giorni, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra. Lasciare asciutta in inverno quando le temperature scendono sotto i 10 gradi centigradi. 
TEMPERATURA MINIMA
+ 5 gradi centigradi.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti