Aloe arborescens
Xanthorrhoeaceae Aloe arborescens Mill. (1768)
SINONIMI
Aloe arborea Medik. (1784); Aloe arborescens ssp. arborescens; Aloe arborescens var. frutescens (Salm-Dyck) Link (1821); Aloe arborescens var. milleri A.Berger (1908); Aloe arborescens var. natalensis (J.M.Wood & M.S.Evans) A.Berger (1908); Aloe arborescens var. pachystyrsa A.Berger (1908); Aloe arborescens var. viridifolia A.Berger (1908); Aloe frutescens Salm-Dyck (1817); Aloe fruticosa Lam. (1783); Aloe fulgens Tod. (1889); Aloe natalensis J.M.Wood & M.S.Evans (1901); Aloe perfoliata var. arborescens (Mill.) Aiton (1789); Aloe perfoliatum Meyen (1835); Aloe principis (Haw.) Stearn (1938); Aloe salm-dyckiana Schult. & Schult.f. (1829); Aloe salm-dyckiana var. fulgens (Tod.) A.Berger (1908); Aloe sigmoidea Baker (1880); Catevala arborescens (Mill.) Medik. (1786); Pachidendron principis Haw. (1821).
 
FAMIGLIA: Xanthorrhoeaceae
GENERE: Aloe
SPECIE: arborescens
 
Il nome di questa specie "arborescens" deriva da "arbor" albero: che ha la tendenza a divenire un albero, un arbusto.
Succulenta che forma grandi cespugli molto ramificati che possono raggiungere i tre metri di altezza.
Ha foglie allungate, disposte a rosetta, di colore verde glauco, triangolari, con i margini armati di vistosi denti chiari; raggiungono 60 centimetri di lunghezza e 7 centimetri di larghezza alla base.
Fiorisce in maggio-luglio. Le infiorescenze, che raggiungono 60 centimetri di altezza, crescono da ogni rosetta. All'apice di queste spuntano i fiori che sono raggruppati in una densa spiga. I fiori sono di colore arancio/rosso.
I frutti sono oblunghi, ovoidali, di colore grigio chiaro che cambia in marrone giallastro.
 
ORIGINE
SUD AFRICA (Gauteng, KwaZulu-Natal, Mpumalanga, Limpopo, Provincia del Capo occidentale); MOZAMBICO; ZIMBABWE; MALAWI.
HABITAT
Si trova dal livello del mare a 2800 metri di altitudine. Cresce in aree cosparse di cespugli, nelle praterie montane tra le rocce, nelle foreste sempreverdi aperte. 
ESPOSIZIONE
Pieno sole; mezza ombra.
BAGNATURE
Dalla fine dell'inverno all'autunno ogni 7 giorni; durante l'inverno ogni 30-40 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio tra una bagnatura e l'altra.
TEMPERATURA MINIMA
+ 5 gradi centigradi.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti