Adromischus filicaulis

Crassulaceae Adromischus filicaulis (Eckl. & Zeyh.) C.A.Sm. (1939)

SINONIMI

Adromischus filicaulis ssp. filicaulis; Adromischus fragilis Hutchison (1959); Adromischus fragilis var. numeensensis Hutchison (1959); Adromischus fusiformis (Rolfe) A.Berger (1930); Adromischus kleinioides C.A.Sm. (1939); Adromischus mammillaris var. rubra Poelln. (1938); Cotyledon filicaulis Eckl. & Zeyh. (1837); Cotyledon fusiformis Rolfe (1916)

 

FAMIGLIA: Crassulaceae

GENERE: Adromischus

SPECIE: filicaulis

 

Succulenta a forma di piccolo cespuglio; raggiunge l'altezza di 35 centimetri.

E' composta da foglie carnose, tozze, lunghe fino a 8 centimetri, spesse fino a 15 millimetri, oblanceolate, da ellittiche a oblunghe (spesso a forma di fuso). Le foglie sono di colore grigio-verde, grigio-marrone sovente con macchie scure.

I fiori sono di colore verde giallastro. Le infiorescenze raggiungolo 35 centimetri di altezza.

 

ORIGINE

SUD AFRICA (dal Richtersveld al Knersvlakte).

HABITAT

Si trova da 200 a 250 metri di altitudine. Cresce in basse colline formate da graniti esfolianti, dove è presente una buona varietà di vegetazione succulenta.

ESPOSIZIONE

Mezza ombra.

BAGNATURE

Dalla primavera alla metà dell'autunno ogni 7-8 giorni; durante l'inverno ogni 30 giorni. In ogni caso lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

-4 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti