Adenium arabicum 

[è un sinonimo di Adenium obesum (Forssk.) Roem. & Schult. (1819)]

Apocynaceae Adenium arabicum Balf.f. (1888)

ALTRI SINONIMI

Adenium arboreum Ehrenb. (1900); Adenium coetaneum Stapf (1902); Adenium homghel Lindl. (1846); Adenium micranthum Stapf (1894);  Adenium obesum ssp. socotranum (Vierh.)Lavranos (1966); Adenium obesum ssp. somalense (Balf.f.) G.D.Rowley (1980); Adenium socotranum Vierh. (1904); Adenium somalense Balf.f. (1888); Adenium somalense var. caudatipetalum Chiov. (1932); Adenium somalense var. crispum Chiov. (1932); Adenium speciosum Fenzi (1865); Adenium tricholepis Chiov. (1932); Cameraria obesa (Forssk.) (1824); Nerium obesum Forssk. (1775).

 

FAMIGLIA: Apocynaceae

GENERE: Adenium

SPECIE: arabicum

 

Il nome "arabicum" significa d'Arabia (arabo): con riferimento all'areale originario di provenienza.

Succulenta caudiciforme che è una forma locale o morfologica di Adenium obesum, ma spesso trattata come una specie a se stante.

È caratterizzata da uno stelo molto tozzo, gonfio da cui partono rami corti, nudi, eretti, tortuosi. Può raggiungere l'altezza di 5 metri, ma solitamente, rimane molto più piccola. Contiene una linfa acquosa, appiccicosa, di colore bianco.

Lo stelo è molto carnoso, da globoso a conico, con l'epidermide liscia, di colore verde-grigio chiaro, marrone, nero; raggiunge 1 metro di diametro.

Le radici consistono in un fittone carnoso.

Le foglie sono disposte a spirale e terminano in una rosetta alla estremità dei rami. Sono carnose, coriacee, di colore: da verde scuro lucido a verde bluastro sopra, verde più chiaro e opaco sotto.

Se le condizioni ambientali lo permettono fiorisce per tutto l'anno, ma lo fa maggiormente durante i periodi asciutti della primavera e dell'autunno. I fiori presentano cinque petali, sono di colore dal rosa al rosso carminio. 

 

ORIGINE

YEMEN; ARABIA SAUDITA (stretta fascia vicino alla costa nella parte occidentale della penisola arabica meridionale).

HABITAT

Cresce in ambienti estremamente aridi stretti fra rocce granitiche e scogliere.

ESPOSIZIONE

Pieno sole; mezza ombra.

BAGNATURE

Dalla primavera all'autunno ogni 6-7 giorni, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra. In inverno una volta al mese.

TEMPERATURA MINIMA

+ 10 gradi centigradi

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti