Sulcorebutia taratensis var. minima

[è sinonimo di Rebutia steinbachii Werderm. (1931)

Cactaceae Sulcorebutia taratensis var. minima Rausch (1968)

Numero di campo: WR 196

Località: Cochabamba, Ansaldo, 2700 m., tra stazione e città

 

SINONIMI

Sulcorebutia minima hort. sensu F.H.Brandt; Sulcorebutia verticillacantha var. minima (Rausch) Pilbeam (1985); Weingartia minima (Rausch) F.H.Brandt (1986).

 

FAMIGLIA: Cactaceae

GENERE: Sulcorebutia

SPECIE: taratensis

VARIETÀ: minima

 

Cactacea piccola; ramifica molto dalla base formando densi cuscini.

Lo stelo raggiunge 2 centimetri di diametro e 5 centimetri di altezza; inizialmente globoso poi si allunga diventando cilindrico; è di colore verde scuro/verde magenta; presenta piccoli tubercoli a forma di rombo.

Le aureole sono strette, ricoperte da un minuscolo feltro grigio o marrone.

Le spine radiali sono da 8 a 12, sottili, pettinate, appoggiate al corpo, di colore bianco crema con base marrone.

Fiorisce in primavera. I fiori sono numerosi, sbocciano dalla base della pianta, sono di colore viola scuro.

 

ORIGINE

BOLIVIA (Cochabamba).

HABITAT

Si trova intorno ai 2700 metri di altitudine.

ESPOSIZIONE

Pieno sole.

BAGNATURE

Dalla primavera all'inizio dell'autunno ogni 8-10 giorni, lasciando asciugare completamente il terriccio fra una bagnatura e l'altra.

TEMPERATURA MINIMA

+5 gradi centigradi.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Renzo Vannetti Via de gasperi 11 53013 Gaiole in chianti